Informazioni utili: viaggio di tre settimane a Cuba

Quando sono stata a Cuba, nel New England, in Libano e in Siria, questo blog non esisteva e i miei pensieri finivano in un taccuino che portavo con me ovunque. Tuttavia, alcuni dei miei racconti su questi paesi sono stati pubblicati in magazine online o sono finiti in un libro. Pertanto, considerata anche la particolarità di alcuni tra questi luoghi, ho pensato valesse la pena riassumere brevemente le esperienze che vi ho vissuto e scrivere qualche dritta utile a chi stesse pensando di organizzarvi un viaggio.

Compagnia aerea

KLM

  • partenza: 9 dicembre da Bologna “G. Marconi” (+1) e arrivo a L’Havana dopo un breve scalo ad Amsterdam;
  • ritorno: 27 dicembre (+1) da L’Havana e arrivo a Bologna dopo un breve scalo a Parigi.

Totale: 17 giorni, voli esclusi

Organizzazione

Per pianificare l’itinerario di viaggio mi sono affidata alla guida Cuba della Lonely Planet (edizione 2012).

Itinerario e mezzi di trasporto

Per viaggiare attraverso l’isola abbiamo sempre usato la macchina, che abbiamo noleggiato attraverso l’agenzia Lovely Cuba (http://www.lovelycuba.com/ con sede a Milano) e che abbiamo ritirato a L’Havana negli uffici di Plaza de San Francisco.

itinerario di tre settimane a Cuba
L’Havana – Playa Larga (Baia dei Porci)
Playa Larga – Cienfuegos
Cienfuegos – Trinidad
Trinidad – Camaguey
Camaguey – Santiago de Cuba (attraverso Bayamo e la Sierra Maestra, guidando su una strada sterrata su cui abbiamo rischiato più volte di rimanere bloccati ma che, una volta rivisto l’asfalto, rimane tra i ricordi più belli, veri ed emozionanti di tutto il viaggio).
Santiago de Cuba – Baracoa
Baracoa – Playa Guardalavaca
Playa Guardalavaca – Playa de Santa Lucia
Playa de Santa Lucia – Cayo Guillermo
Cayo Guillermo – Santa Clara
Santa Clara – L’Havana
L’Havana – Vinales
Vinales – L’Havana

Pernottamenti, pasti ed escursioni

Sono passati quasi tre anni dal nostro viaggio a Cuba e le cose sono cambiate molto. Dai racconti di amici e altri viaggiatori, so che noleggiare una macchina è molto più facile così come lo è pernottare in una casa particular anche nella zona dei Cayos. Nel 2013 non vi erano ancora molte opzioni e Playa Guardalavaca, Playa Santa Lucia e Cayo Guillermo erano accessibili quasi esclusivamente pernottando in un Resort. Ergo, la scelta è stata obbligata e dai racconti successivi, scoprirete se l’esperienza dell’all inclusive ci ha soddisfatti o meno.

Share this!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento