L’anima universitaria del Queensland: Brisbane

Dopo circa 1200 Km, una pizza di Domino’s a Rockhampton e una notte passata a dormire divisi tra il sedile posteriore e quello anteriore della nostra Hyundai bianca (soprannominata “Sberla”), arriviamo a Brisbane distrutti.

Fa piuttosto freddino e, come ogni giorni da quando siamo arrivati, il cielo si prepara a buttare giù qualche goccia di pioggia. Prenotiamo al volo, su Booking, un hotel in centro e dopo una doccia ci prepariamo ad uscire. Brisbane ci colpisce subito. È pulita, ordinata, elegante, giovane e piena di vita. Non per nulla, scopriamo, è anche la città più sostenibile d’Australia. Il che, però, non deve essere poi molto difficile visto che anche solo la raccolta differenziata prevede per lo più solo la divisione di carta e plastica.La nostra passeggiata senza meta ci porta al South Bank Parklands, la passeggiata al di là del fiume, vicino alla Griffith University.

La ruota panoramica, così come il Palazzo del Tesoro e il teatro – dove ironia della sorte danno “Les Miserables”, sono illuminati con il tricolore francese in ricordo dei morti degli attentati del 14 novembre a Parigi.Il parco è pieno di giovani, tutti qui per il Croque Festival, uno sport che non ho ancora ben capito ma che somiglia al criquet. Ci beviamo un bicchiere di Pinot grigio e di Shiraz della Hunter Valley e cediamo alla tentazione di due maxi cheesburger con patatine fritte e bacon. Alla faccia dell’insalatina che ci eravamo ripromessi di mangiare.

Dopo una dormita in un letto vero, la mattina seguente facciamo un’altra passeggiata per il centro e partiamo. Destinazione Byron Bay.Citazione della tappa a cura del marito: “ricordatelo sempre: è meglio una pizza di merda che una merda indefinita. Almeno la pizza di merda ti sfama”.

Hotel: Brisbarne On George. Molto bello e in posizione centralissima. Purtroppo la colazione non era compresa ma è una cosa piuttosto normale in Australia.

Share this!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento