Informazioni utili per un viaggio di nozze “a testa in giù”

Ebbene si’, siamo rientrati nel cliché del viaggio di nozze in Australia. Ma complice il mese di ferie e la distanza del continente, abbiamo pensato che ne valesse la pena. Tuttavia, abbiamo comunque propeso per un viaggio di nozze che si adattasse alle nostre esigenze e e abitudini.

Ecco, dunque, l’itinerario folle di questo mese a testa in giù e zaino in spalla. Partenza da Bologna il 5 novembre 2015 e arrivo a Sydney il 6 novembre. Dopo due giorni a Sydney, partenza con un volo AirQantas in direzione Cairns, per la ovvia escursione alla barriera corallina. Affittiamo la macchina con AVIS, tramite il portale BestCarRental.com.au, e partiamo per quello che sarà un viaggio on the road lungo 5.300 Km da Cairns ad Adelaide. L’itinerario prevede due giorni in campeggio a Whiteheaven Beach. Da Adelaide, dove arriviamo il 24 novembre, prendiamo il volo della Virgin in direzione Perth dove ci fermiamo due giorni.
Affittiamo nuovamente una macchina, sempre con AVIS e tramite il portale BestCarRental.com.au, e partiamo in direzione Denham, a Shark Bay dove ci fermiamo 4 giorni.
Torniamo a Perth il 2 novembre in serata. Il giorno seguente lo dedichiamo ai nostri amici che vivono a Perth e che ci portano a fare il BBQ in spiaggia. Partenza per l’Italia il 4 dicembre e arrivo a Bologna sabato 5 dicembre.

Compagnia aerea

SKL – Ethiad

  • partenza: 5 novembre 2015 (+1) da Bologna “G. Marconi”. Scalo ad Amsterdam e Abu Dhabi. Arrivo a Sydney;

  • ritorno: 4 dicembre 2015 (+1) da Perth. Scaldo ad Abu Dhabi e Amsterdam.

Totale: 27 giorni, voli esclusi

Organizzazione

Per l’organizzazione del viaggio mi sono affidata alla guida Australia della Lonely Planet (edizione 2014), al sito Hello Sunshine – The official travel blog of Queensland, al sito del governo australiano per la promozione del turismo e, per il Western Australia, alle dritte del nostro caro amico Aldo che vive a Perth da qualche anno.

Itinerario e mezzi di trasporto

Itinerario Australia

Sydney – Cairns: volo interno (Air Qantas)

Cairns – Adelaide: macchina noleggiata con AVIS tramite il portale BestCarRental.com.au

Breve sosta di due giorni a Whitheaven Beach

Adelaide – Perth: aereo (Virgin Air)

Perth – Shark Bay: macchina noleggiata con AVIS tramite il portale BestCarRental.com.au

Pernottamenti, pasti ed escursioni

Ad eccezione di Sydney e Cairns, dove abbiamo dormito in un appartamento affittato su Airbnb, e per le Whithsundays, dove abbiamo dormito in tenda a Whitheaven Beach e abbiamo dovuto prenotare con largo anticipo (maggiori informazioni sul post dedicato) abbiamo sempre prenotato tramite Booking, giorno per giorno. Tuttavia, non è sempre stato facile trovare una stanza nei posti più gettonati né tantomeno trovare dei prezzi definibili “onesti”. La tipologia di alloggio è quasi sempre stata di categoria Motel per le tratte fuori città. Ad Adelaide e Brisbane, invece, abbiamo dormito in hotel. A Melbourne e Perth ci hanno ospitato due amici. A Shark Bay abbiamo affittato un magnifico appartamento vista mare ad un prezzo incredibile. Anche qui, rimando al post dedicato alla nostra ultima tappa in Western Australia.

Sulla questione pasti non mi soffermo troppo visto che non vi è alcuna problematica ad eccezione, forse, di prezzi ed orari. Infatti, una delle cose che non ho apprezzato del viaggio, è la necessità di arrivare sempre in un centro abitato non più tardi delle 19:00 per poter trovare un bar o un ristorante con la cucina aperta. E questo ci ha impedito, talvolta, di goderci fino in fondo la libertà del viaggiare in macchina senza pensieri né orari.

Cosa leggere prima di partire

Un libro a tratti un po’ pesante ma che descrive perfettamente la sensazione che si prova a percorrere chilometri e chilometri di bush. Un libro che ti fa sentire il caldo e la desolazione dell’outback. Merita soprattutto per gli appunti di Chatwin sull’importanza di viaggiare e su ciò che, da sempre, provoca nell’uomo.

Le vie dei canti, Bruce Chatwin

Share this!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento